martedì 31 dicembre 2013

CARPACCIO DI POLPO... E BUON ANNO NUOVO!!

Anche quest’anno sta per finire, quanti progetti per l’anno nuovo, quante idee… quante speranze! Per prima cosa, però, mi auguri serenità e salute e a seguire soldi, quelli giusti per vivere, vivere dignitosamente in questo periodo di crisi. La felicità arriva da altre cose, cose semplici, piccole ma vere! Non perdiamo tempo appresso alle cose inutili… dedichiamoci anima e cuore a ciò che ci fa star bene ma soprattutto regaliamo sorrisi a chi ne ha più bisogno!
BUON 2014!

La ricetta che vi lascio è semplice e buona, come sempre! Un carpaccio di polpo delicato e poco calorico (abbiamo già mangiato tanto durante queste feste). Un antipasto perfetto per chi ama il pesce, un condimento semplice e buona compagnia, questo è quello che vi servirà a tavola. Il polpo va cotto qualche giorno prima (per la cottura calcolate un’ ora per ogni chilo di peso del polpo) poi deve essere “pressato” dentro ad una bottiglia di plastica e riposare in frigo per almeno 24 ore. Generalmente il polpo viene battuto (con un batticarne, i pescatori lo facevano direttamente sugli scogli!) per rendere la carne più delicata prima di cuocerla. Infine va affettato e condito… buon antipasto!
                                     OSPITI IN CUCINA


Ingredienti


Per cuocere:
1 polpo 
(1,5 kg ca)
1 costa di sedano
1 carota
1 cipolla
6 bacche di ginepro
6 grani di pepe nero
4 foglie di alloro
sale q.b.

Per condire:
1 limone
Prezzemolo tritato
pepe nero
sale
aglio


Preparazione



Dopo aver pulito il polpo (eliminando dente – il rostro – e la sacca) e sciacquato bene sotto acqua corrente mettete una pentola sul fuoco, riempite circa a tre quarti e unite la carota pelata a pezzi, la cipolla pulita e divisa in quattro parti, i gambi di sedano spezzettati, le foglie di alloro, le bacche di ginepro, il pepe nero in grani e il sale. Appena l’acqua bolle, prendete il polpo per la testa e per un paio di volte consecutive calate e alzate tutto il corpo (la parte con i tentacoli) nell’acqua bollente. In questo modo i tentacolo si arricceranno (diventerà quasi un fiore, una rosa). Infine, immergetelo completamente nell’acqua e lasciate bollire per circa un’ora (ricordate: per la cottura calcolate un’ ora per ogni chilo di peso del polpo). Quando il polipo è cotto estraetelo e lasciatelo scolare in uno scolapasta per un quarto d’ora e tagliatelo in 5/6 pezzi.
Prendete una bottiglia di plastica, tagliate la parte superiore e inserite piano piano il polpo all’interno. Bucherellate il fondo con i rebbi di una forchetta o con un coltello (per eliminare l’acqua in eccesso). Pressate bene il polpo nella bottiglia con l’aiuto di un batticarne. Tagliate le estremità della bottiglia per formare delle linguette con cui andrete a richiudere la bottiglia stessa, per non far fuoriuscire il polpo. Ponete un peso sulla bottiglie e mettete a riposare in frigo per tutta la notte.
La mattina seguente, tagliate la bottiglia di plastica a metà, tirate fuori il polpo, che avrà preso la forma della bottiglia (un cilindro) e affettatelo a fette sottili e delicatamente con una affettatrice.


Per condire preparate una emulsione con il succo di limone,  il prezzemolo tritato, una spolverata di pepe nero, sale e l’aglio tritato finemente (se lo gradite). Irrorate il carpaccio e decorate con fette di limone e prezzemolo tritato. Buon appetito!




5 commenti:

  1. Ciao Gioia... Complimenti per il blog... Sono nuova ma se ti va passa a dare un'occhiata al mio blog...
    Http//lericettedijessy.blogspot.it
    Ciao:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jessy, grazie mille... ricambio presto la visita. Baci

      Elimina
  2. Tantissimi auguri anche a te. Complimenti per il carpaccio. Baci

    RispondiElimina
  3. ottimo il carpaccio di polpo, lo adoro ! Buon anno, un bacione

    RispondiElimina
  4. Grazie a tutte... buon anno nuovo e tanti baci

    RispondiElimina