venerdì 16 dicembre 2011

BACCALA' ALLA GHIOTTA

Ingredienti

1 chilo di baccalà
500 gr. di patate piccole
100 gr. di olive (nere e bianche)
1 cipolla
30 gr. di uvetta
30 gr. di capperi
30 gr. di pinoli
3 foglie di alloro
1 bicchiere di cognac
peperoncino
pepe
sale
olio evo

Preparazione

Mettete il baccalà in ammollo (cambiate spesso l’acqua) fino a dissalarlo completamente e farlo diventare bianco e polposo. Sciacquatelo sotto l’acqua corrente e poi tagliatelo a pezzi. Pelate le patate e lavatele (se usate delle patate più grandi tagliatele a tocchetti). Tagliate finemente la cipolla e mettetela a friggere in una pentola ben capiente con l’olio;  aggiungete poi le patate, salate e fate cuocere per qualche minuto poi mettetele da parte in una ciotola.
Mettete il baccalà nella pentola e sfumatelo con un po’ di cognac. Unite al baccalà i capperi, l’uvetta, i pinoli e le olive. Aggiungete le patate che avete messo da parte insieme ad una spolverata di pepe, un pizzico di peperoncino, le foglie di alloro e mezzo litro di acqua calda con la passata di pomodoro. Lasciate cuocere a fuoco basso per circa un’ora… fate attenzione quando mescolate poiché il baccalà potrebbe rompersi. Servite con un po’ di brodo.

PS Assaggiate il sughetto per vedere se va aggiunto sale perchè il baccalà è di per se abbastanza saporito e si rischierebbe di salare troppo.

Questa è la ricetta di casa Gioia, quella insegnatami da mamma e che non può assolutamente mancare a tavola per la vigilia di Natale! Mio padre adora letteralmente questo piatto ed il bis è assicurato... è una buona forchetta come me ;-)

 Con questa ricetta partecipo al contest "A cena con Babbo Natale" (sezione baccalà)

al contest di Ricette della Nonna

al contest "Cosa non può mancare al mio pranzo di Natale"


al contest di Roberta



4 commenti:

  1. Passo per avvertirti, che la Community di Cucina Italiana ha prodotto un Calendario 2012 in pdf ed un relativo librino pdf legati all'iniziativa di raccolta fondi di Patrizia per i bambini di Rocchetta di Vara alluvionati il 25 ottobre. Sono pronti. Puoi aiutarci a fare il passaparola scrivendo un post e parlandone ai tuoi amici non bloggers?
    Tutti i particolari sono sul mio blog nel post:
    La Community di Cucina Italiana per Rocchetta di Vara

    RispondiElimina
  2. Ops, non ti ho lasciato neanche un commento di ringraziamento per la tua proposta. Rimedio subito: la tua è una ricetta da provare!

    RispondiElimina
  3. dev'essere ottimo!! complimenti:-)

    RispondiElimina